RunSafe Sic: la soluzione alla marcia a secco per le pompe a trascinamento magnetico


Uno dei difetti delle tradizionali boccole in carburo di silicio utilizzate nelle pompe a trascinamento magnetico è la scarsa resistenza al funzionamento a secco. Le pompe magnetiche sono macchine altamente sicure ed affidabili; le boccole interne lavorano di solito con basso attrito se le pompe sono utilizzate correttamente. Tuttavia, quando le unità funzionano a secco o la lubrificazione è insufficiente, il calore generato dall'attrito delle facce di scorrimento delle boccole innalza così tanto la temperatura che le boccole in SiC standard si danneggiano entro pochi secondi. CDR Pompe ha messo a punto una soluzione in grado di eliminare i rischi di rottura conseguenti al disinnesco o errato start-up della pompa con la possibilità di bloccare la pompa centrifuga prima dell'insorgere di gravi danni. Questa soluzione consiste in uno strato di materiale amorfo, con reticolo cristallino del diamante, depositato sulle superfici di scorrimento delle boccole in SiC mediante un particolare procedimento chimico-fisico che garantisce anche l’aderenza continua e solida del rivestimento stesso. Le boccole, ralle ed albero in RunSafe SiC così ottenute garantiscono un'impressionante riduzione del coefficiente di attrito rispetto ai componenti realizzati in SiC tradizionale (0,04 μrs del RSSiC invece di 0,4 - 0,7 μrs del SiC ) mantenendo comunque un'elevata resistenza alla corrosione e all'usura. Il ridotto coefficiente di attrito (circa 80%) delle boccole, si traduce in una diminuzione del calore generato in condizioni di marcia critiche, di funzionamento a secco o scarsa lubrificazione prevenendo così la classica rottura delle stesse. Pompe CDR disponibili per l’installazione del RunSafe Sic : ETNevo, UTN, UTS.

boccole in RunSafe Sic