RAFFINERIA


La raffineria comprende tutti processi necessari per la produzione di combustibili, partendo dal petrolio. I prodotti tipici sono benzina, gasolio, GPL, cherosene. Il petrolio greggio deve essere prima di tutto ripulito dallo zolfo (che viene poi recuperato) e da altre sostanze che ne alterano la qualità; poi, nelle colonne di distillazione, attraverso varie fasi di riscaldamento (a temperature che si aggirano generalmente sui 360°-370°) si convertono i prodotti pesanti in prodotti più leggeri, qualitativamente più importanti. Le catene di idrocarburi vengono spezzate, e dal greggio, di cui una larga parte è costituita dall’olio combustibile (44%) si arriva così, attraverso il processo di cracking, a GPL, benzina, nafte, cherosene e varie qualità di gasoli. Le sostanze residue di questi processi vengono ancora una volta bruciate a temperature ancora più alte (visbreaking a 450° circa) per ottenere nuovi prodotti utilizzabili. Ogni qualità di prodotto ottenuto passa poi ad altri processi specifici (reforming, alchilazione, esterificazione).